La Storia

L'edificio in cui ha sede la Tenuta del Barone fu costruito intorno al 1550. In origine fu un edificio militare a forma di “L” che veniva utilizzato per il controllo delle due valli. Con un gioco di specchi, i militari avvertivano la guarnigione di Moncalvo in caso di attacco nemico.

Sul finire del XVI sec. l'edificio diventa la dimora di caccia del pittore Guglielmo Caccia (1568 - 1625) detto il “Moncalvo” che, secondo la tradizione, vi trascorreva periodi di diletto venatorio.

Nel 1774, il conte e pittore Francesco Ottavio Magnocavallo si trasferisce presso la dimora e applica all'edificio delle bifore gotiche e quadrifogli nell'architettura del sottotetto, caratteri architettonici ancora oggi conservati.

La chiesetta annessa all'edificio risale al 1860. Il 16 agosto il vescovo di Casale, Monsignor Ferrè, la consacra e la intitola a San Giovanni Battista. Lo stile della chiesetta è neoclassico e napoleonico con capitelli in stile dorico-corinzio.

Dopo la permanenza nell'edificio del Moncalvo, si succedono vari proprietari sino ad arrivare al 1988, anno in cui la struttura viene acquistata dalla Famiglia Colombo.

I nuovi proprietari attuano un solido ma attento restauro di tutto l’impianto, chiesetta compresa, riportando gli interni e la facciata nord alle origini, mantenendo la connotazione agricola di sempre, spaziando nella produzione di selvaggina, frutta e vino.

La struttura è segnalata alle Belle Arti e inserita in una lista di 12 siti monitorati nella zona di Penango.

 

 

 

Elemento grafico

 

 

 

 
Compila il form ed inviaci la tua richiesta
Tutti i campi sono obbligatori

Il B&B rimane aperto tutti i giorni della settimana.

Sabato e Domenica siamo aperti ma sarebbe preferibile avvertire del vostro arrivo con una telefonata.

 

 

 

Whatsapp